Piano di Bacino del fiume Serchio, stralcio "Assetto Idrogeologico" (P.A.I.):progetto di piano "Variante stabilità dei versanti"

Il Piano di Bacino stralcio Assetto Idrogeologico (P.A.I.), elaborato dall’Autorità di Bacino del Fiume Serchio, è finalizzato al miglioramento delle condizioni del regime idraulico e della stabilità dei versanti allo scopo di ricondurre gli attuali livelli di rischio a situazioni socialmente accettabili, nel rispetto degli assetti naturali, della loro tendenza evolutiva, della potenzialità d'uso del territorio e per permettere uno sviluppo sostenibile del territorio stesso. Tali finalità sono state perseguite dall'Autorità di Bacino anche mediante la definizione del quadro della pericolosità idrogeologica in relazione ai fenomeni di dissesto dei versanti.

Il P.A.I. è stato approvato il 1 febbraio 2005 ed è a tutt’oggi vigente. Poiché il piano deve essere uno strumento flessibile, in continuo aggiornamento e poiché una corretta pianificazione territoriale ha come premessa ineludibile la realizzazione di un completo ed esaustivo quadro conoscitivo con l’individuazione e perimetrazione delle aree a pericolosità ed a rischio idrogeologico su cartografia a scala adeguata, l’Autorità di Bacino ha provveduto all’estensione della “Carta della franosità del Bacino del Fiume Serchio” in scala 1:10.000, già inclusa nel P.A.I. relativamente alla Garfagnana e alla Media Valle del Serchio, alle altre aree attualmente inserite nel PAI a scala 1:25.000: “Val di Lima e alto Appennino”, “Basso Serchio (Monte Pisano, Monti d’Oltre Serchio e Appennino lucchese) e “Apuane orientali”. Le carte derivano da rilievi geologici di dettaglio sul campo e da interpretazione aerofotogrammetria, prevalentemente inediti. Ciò è avvenuto con la collaborazione del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa (Prof. A. Puccinelli e collab.) e del Centro di Geotecnologie dell’Università di Siena (Prof. L. Carmignani e collab.), tenendo conto anche della documentazione tecnica della Regione Toscana.
Allo stato attuale, pertanto, è stato raggiunto un obbiettivo molto importante consistente nella totale copertura cartografica tematica alla scala 1:10.000 del bacino del Serchio.

La Carta della franosità del P.A.I. vigente consta di 21 tavole in scala 1:10.000 che ricoprono circa il 30% della superficie del bacino. La restante parte del bacino è coperta da cartografia a scala 1:25.000.
Da oggi è a disposizione anche la copertura cartografica di tutto il bacino del Serchio a scala 1.10.000, costituita in totale da 69 tavole, che rappresenta il documento conoscitivo geologico e geomorfologico di riferimento del territorio. Le nuove cartografie diverranno parte integrante del P.A.I., successivamente all’espletamento della procedura prevista dalla legislazione vigente.

  • Autorità di Bacino pilota del fiume Serchio
  • Via Vittorio Veneto, 1 - 55100 Lucca (LU)
  • Telefono: 0583.462241 0583.952355
  • C.F.: 93014950500 - PEC: bacinoserchio@postacert.toscana.it