Derivazione del fiume Serchio

Nel quadro delle attività di studio e programmazione dell’Autorità di Bacino del Fiume Serchio le problematiche relative alla tutela e al recupero del bacino del lago di Massaciuccoli hanno sempre rivestito particolare importanza, in considerazione dell’elevato valore ambientale dell’area e dei concomitanti fattori di pressione che tendono a pregiudicarne, ormai da lungo tempo, la qualità, la conservazione e le possibilità di fruizione.

Nel 2004, con delibera del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino del Fiume Serchio n. 128, furono adottate una serie di misure di salvaguardia per il contenimento dell’ingressione delle acque marine e salmastre superficiali nel bacino del lago di Massaciuccoli. Esse prevedevano in particolare un protocollo di gestione delle porte vinciane “storiche”; inoltre attribuivano alle Province di Lucca e di Pisa il compito di emettere ordinanza di sospensione delle derivazioni dal lago, al verificarsi di crisi idrica determinata dal raggiungimento della quota di – 30 cm sul livello del mare delle acque del lago, su segnalazione dell’Autorità di bacino.
Inoltre, per ridurre la condizione di crisi idrica estiva del Lago di Massaciuccoli, è stato realizzato un piccolo impianto di sollevamento allo scopo di derivare acqua dal Serchio nel Fosso della Barra e quindi nel lago.
A fianco di queste azioni, che ipotizzano anche una progressiva riconversione dell’attività agricola (oggi prevalentemente a mais) verso colture più consone alla conservazione della naturalità del lago e delle aree circostanti, l’Autorità di Bacino ha studiato, sempre nel 2004, un intervento di elevato impegno, consistente in una derivazione di portata dal fiume Serchio che, partendo dalla zona di Filettole, recapiterebbe al bacino del lago una portata massima nell’ordine di 3 mc/s (“Progetto strategico per il riequilibrio del deficit idrico nel bacino del Lago di Massaciuccoli mediante derivazione dal fiume Serchio in località Filettole, in comune di Vecchiano (PI)”, Autorità di Bacino del Fiume Serchio, Ottobre 2004).

In data 28 gennaio 2006 tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio, Regione Toscana, Autorità di Bacino del Fiume Serchio, ARPAT, Ente Parco Migliarino - S. Rossore - Massaciuccoli, Provincia di Lucca, Provincia di Pisa, Comune di Massarosa, Comune di Viareggio e Comune di Vecchiano, è stato stipulato l’ "Accordo di programma integrativo per il completamento della tutela delle risorse idriche del Lago di Massaciuccoli", finalizzato alla realizzazione delle condizioni per il miglioramento della qualità delle acque del Lago di Massaciuccoli.
L’accordo, sulla base del citato “Progetto strategico per il riequilibrio del deficit idrico nel bacino del Lago di Massaciuccoli mediante derivazione dal fiume Serchio [...]”, stanziava i fondi per l’intervento ed affidava all’ Autorità di Bacino del fiume Serchio la progettazione preliminare di un’opera per la derivazione di una portata idrica, di valore massimo pari a 3 mc/s, dal fiume Serchio ed il convogliamento della stessa verso il Lago di Massaciuccoli, attraverso il canale Barra – Barretta.

Nel 2007, con la redazione del Progetto di Piano di Bacino Stralcio "Bilancio idrico del bacino del lago di Massaciuccoli", la derivazione è entrata a far parte degli interventi strutturali di piano.

L’Autorità di Bacino del Fiume Serchio ha quindi redatto il progetto preliminare dell’opera ed una serie di studi a supporto, alcuni dei quali tuttora in corso.
Nel dettaglio, il materiale prodotto consiste in:

  1. Progetto preliminare dell’opera (elaborati ingegneristici e geologico – geotecnici).
  2. Studio “Valutazione delle potenzialità di miglioramento della qualità ambientale della sponda N-E del Lago di Massaciuccoli a seguito di immissione di acque dal Fiume Serchio”, Dipartimento di Sistemi ed Informatica, Facoltà di Ingegneria, Università degli studi di Firenze.
  3. Studio “Rapporto sulle prove di rilascio dei sedimenti della Barra e della Fossa Nuova a contatto con l’acqua del Serchio”, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Geoscienze e Georisorse, Pisa.
  4. Studio “Valutazione degli effetti chimici dell’immissione di acqua dal Serchio nel sistema lacustre del Massaciuccoli” e successivo “Addendum”, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Geoscienze e Georisorse, Pisa.
  5. Studio “Considerazioni sui possibili effetti idraulici e di qualità dell’immissione nel lago delle acque derivate dal Serchio”, Dipartimento di Sistemi ed Informatica, Facoltà di Ingegneria, Università degli studi di Firenze.
Il progetto preliminare è stato esaminato con esito favorevole dalla Commissione Tecnica del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in data 26 maggio 2010.

Il 16 novembre 2010 il Comitato di Sorveglianza sull’ “Accordo di programma integrativo per il completamento della tutela delle risorse idriche del Lago di Massaciuccoli”, ha assegnato alla Provincia di Pisa la progettazione definitiva, esecutiva e l’appalto delle opere di derivazione di acqua dal fiume Serchio verso il Lago di Massaciuccoli.

Progetto strategico per il riequilibrio del deficit idrico nel bacino del Lago di Massaciuccoli mediante derivazione dal fiume Serchio in località Filettole, in comune di Vecchiano (PI)

Scarica il documento in formato PDF
  • Autorità di Bacino pilota del fiume Serchio
  • Via Vittorio Veneto, 1 - 55100 Lucca (LU)
  • Telefono: 0583.462241 0583.952355
  • C.F.: 93014950500 - PEC: bacinoserchio@postacert.toscana.it